ILLUSIONE YOGA Il buddha idolo Chiesa e induismo buddista assassino
ILLUSIONE YOGA
Il buddha idolo
Chiesa e induismo
buddista assassino
Mantra e demoni
Gandhi e gli altri
astuzie yogi
magia yoga
inganno yoga
PERLE TANTRA
TANTRA MALEDETTO
TANTRA PERVERSIONI
Il terzo occhio
reincarnazione
yoga in pillole
spiriti demoni
negromanti e magia
meditazione t.
astrologia
IL MEDICO MAGO
energia vitale
agopuntura
iridoccultismo
omeopatia
cristalloterap.
Gli angeli e la carne
ERESIA VEGAN
culto vegano
vetero vegani
Vegetariano eretico
vegetariani
Green Hill
Sperimentazione animale e Bibbia
odio vegan
DON FANFULLA
IL SODOMITA
BABYLON CITY
Babilonia 2029
Babilonia 2030
UE
Attila l'immigrato
Lettera ai demoni
Attila torna a casa tua
LUCIFERO NELLE LOGGE
lucifero
massoneria
VACCINI E CERVELLO
WI38 MRC5 e magia nera
massogiornalis.
Lutero all'inferno
teosofia
antroposofia
IL FALSO PROFETA
bene senza dio
l'anticristo pacifista
Geppo
apocalisse
autismo
Ghandi
Mandela
FEMMINICIDIO
FEMMINICIDI RIMEDI
SEDUZIONE DONNA
femminismo
8 marzo
la discoteca
il maschicidio
satanapolitica
Lunacek
AMMONIRE
divorziati
contraccezione
omofobia
U 235
sodomia, sabba e morte
omofobi pericolosi
CATTOFALSI
POTERE MEDIA
politici e vip
Gli F35 d Mauro
Jovanotti e il condom
Benigni
NWO E CIRICINO
IL FEMMINISMO E IL DEMONE
Zaffiro 2016
Valchirie femministe
IL PERICOLO IMMIGRATI
BIFFI E IMMIGRATI
CASTIGHI E NATURA
Castigo terremoto
LA FAME E IL CASTIGO
Castighi nel Levitico
castigo malattia
Dueteronomio e Castighi
LA GUERRA E I CASTIGHI
la rivoluzione francese
Usa Isis
La Russia di Putin
lo psicologo
RICOSTRUTTORI NELLA PREGHIERA
satana nel quot
suggestioni
COMANDAMENTI
VIZI CAPITALI
Santa Teresina
Maria Goretti
Donna santa
ABITI IMPUDICI
Ippolito e la lussuria
pudore
 
 

"Il demonio non può nulla sulla volontà, pochissimo sull'intelligenza, e tutto sulla fantasia"


                                                                              Joris-Karl Huysmans



La definizione di Huysmans forse è teologicamente approssimativa, ma chiunque voglia  affrontare con fermezza il combattimento spirituale (e della vita) deve ben sapere che i poteri del maligno sulla mente dell'uomo sono molti e non sono così alieni da quelli dell'aforisma del romanziere.


San Tommaso D'Aquino ci dice ( riguardo agli angeli e ai diavoli):

Aquinate"l'angelo buono o cattivo possono modificare l'intelletto dell'uomo perchè conosca qualcosa, non certo introducendo nello stesso intelletto delle specie, ma esibendo esternamente alcuni segni, dai quali l'intelletto è sollecitato ad apprendere qualcosa, ciò che possono fare  anche gli uomini. Ma, inoltre, gli angeli buoni o cattivi possono anche in qualche modo disporre a ordinare internamente le rappresentazioni dell'immaginazione, secondo com'è opportuno, perchè s'apprenda qualcosa d'intellegibile."


In buona sostanza l'Aquinate ci avvisa che i demoni  hanno la possibilità di ingannare i nostri sensi, ma anche  di interagire con i nostri pensieri attraverso l'immaginazione.


Il problema grande per l'uomo è che  il demonio
con  questa capacità  in male mandrake può  tirare i fili delle nostre emozioni  (tristezza, angoscia apprensioni etc etc..) che con i pensieri (es. preoccupazioni) sono sempre collegati.
Con le suggestioni sul futuro poi , il demonio spesso, cerca  di creare un mondo mentale parallelo a quello reale, dove l'intervento di Dio è assente e lui ti mostra il suo indisturbato operare.







Su questo argomento Cristo ci dà un "ordine"  per il nostro benessere:



 Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.
Mt 6:25


Dobbiamo renderci quindi ermetici ai pensieri che innescano meccanismi  di logoramento comodi al maligno, il quale  quando spesso non può distruggerci con le tentazioni lo fa inducendoci alla disperazione.

Vanno dunque respinti , al primo manifestarsi, i pensieri che costituiscono accenni di preoccupazioni , affanni, o angosce , vanno fermati subito  anche perchè  una volta coltivati, ripristinare la pace originaria è molto più faticoso.


Da cristiani è  utile a questo proposito  imparare  vivere facendo propri due concetti  relativi al nostro futuro:

                                                   

29 Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure neanche uno di essi cadrà a terra senza che il Padre vostro lo voglia.
30 Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati; 31 non abbiate dunque timore: voi valete più di molti passeri!

Matteo 10


«Lo so, Signore, che l'uomo non è padrone della sua via, non è in potere di chi cammina il dirigere i suoi passi.

Geremia 4


E  inoltre rasserenarci, perchè come dice il Salmo (33):

Questo povero grida e il Signore lo ascolta, *
    lo libera da tutte le sue angosce
.



Questo perchè l'amore che si respira nella preghiera vince le angosce del mondo, per questo la preghiera con il cuore e  il digiuno , come ci insegna anche la Madonna di Medjugorje, sono efficaci antidoti contro le armi  che satana  utilizza per indebolirci.




Questa battaglia quotidiana con il maligno è forse solo seconda al combattimento per non peccare, perchè attraverso i pensieri il demonio può creare false aspettative quindi delusioni, indurci a scelte sbagliate in forza di sue suggestioni, farci affidare  a   gente iniqua piuttosto che in Dio,  farci sperare in facile guadagni etc etc

E' bene, quindi,stare costantemente in stato di grazia e chiedere quotidianamente allo Spirito Santo i suoi doni anche per le scelte che regolano la nostra vita quotidiana, questo perchè come dice San Paolo:


Per il resto, attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza. crociato
Rivestitevi dell'armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo.
  La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.
  Prendete perciò l'armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove.
 State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia,
 e avendo come calzatura ai piedi lo zelo per propagare il vangelo della pace.Tenete sempre in mano lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno;
 prendete anche l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito, cioè la parola di Dio.Pregate inoltre incessantemente con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, vigilando a questo scopo con ogni perseveranza e pregando per tutti i santi
Lettera agli Efesini 6



Sant'Ignazio poi ci insegna anche alcuni metodi utili per il discernimento che si innestano in un discorso più ampio rispetto a quello delle sole preoccupazioni ma inquadrano i molteplici poteri del demonio di cui dobbiamo essere ben consapevoli per intraprendere la nostra battaglia quotidiana spirituale e di vita, ovviamente mai prescindendo dalle guide spirituale e dei nostri confessori che Nostro Signore ci mette a disposizione.



Sant%27Ignazio_di_LoyolaREGOLE PER LO STESSO SCOPO, RICONOSCENDO MEGLIO GLI SPIRITI.

 Prima regola.

è proprio di Dio e dei suoi angeli dare con le loro ispirazioni vera letizia e gioia spirituale, togliendo tutta la tristezza e l'agitazione che il demonio procura; è invece proprio di costui combattere contro questa letizia e consolazione spirituale, presentando false ragioni, cavilli e continue menzogne.

 Seconda regola.

Solo Dio nostro Signore può dare all'anima una consolazione senza una causa precedente; infatti è proprio del Creatore entrare nell'anima, uscire, agire in essa, attirandola tutta all'amore della sua divina Maestà. Dicendo senza una causa, si intende senza che l'anima senta o conosca in precedenza alcun oggetto, da cui possa venire quella consolazione mediante i propri atti dell'intelletto e della volontà.

 Terza regola.
Sia l'angelo buono sia quello cattivo possono consolare l'anima con una causa, ma per fini opposti: l'angelo buono per il bene dell'anima, perché cresca e proceda di bene in meglio; l'angelo cattivo, al contrario, per attirarla ancor più al suo dannato disegno e alla sua malizia.

 Quarta regola.

è proprio dell'angelo cattivo, che si trasforma in angelo di luce, entrare con il punto di vista dell'anima fcdele e uscire con il suo: suggerisce, cioè, pensieri buoni e santi, conformi a quell'anima retta, poi a poco a poco cerca di uscirne attirando l'anima ai suoi inganni occulti e ai suoi perversi disegni.

 Quinta regola.
Dobbiamo fare molta attenzione al corso dei nostri pensieri. Se nei pensieri tutto è buono il principio, il mezzo e la fine e se tutto è orientato verso il bene, questo è un segno dell'angelo buono. Può darsi invece che nel corso dei pensieri si presenti qualche cosa cattiva o distrattiva o meno buona di quella che l'anima prima si era proposta di fare, oppure qualche cosa che indebolisce l'anima, la rende inquieta, la mette in agitazione e le toglie la pace, la tranquillità e la calma che aveva prima: questo allora è un chiaro segno che quei pensieri provengono dallo spirito cattivo, nemico del nostro bene e della nostra salvezza eterna.

Sesta regola.
Quando il nemico della natura umana viene scoperto e riconosciuto per la sua coda serpentina e per il fine cattivo a cui spinge, colui che è stato tentato farà bene a esaminare subito il corso dei pensieri buoni all'inizio da lui suggeriti, e a considerare come il demonio a poco a poco abbia cercato di farlo discendere dalla soavità e dalla gioia spirituale in cui si trovava, fino ad attirarlo al suo disegno perverso; così, tenendo conto di questa esperienza, potrà guardarsi dai suoi soliti inganni.

 Settima regola.
A coloro che procedono di bene in meglio, l'angelo buono si insinua nell'anima in modo dolce, delicato e soave, come una goccia d'acqua che entra in una spugna; al contrario, l'angelo cattivo si insinua in modo pungente, con strepito e agitazione, come quando la goccia d'acqua cade sulla pietra. Invece, in coloro che procedono di male in peggio, questi due spiriti si insinuano in modo opposto. La causa di questo è la disposizione dell' anima, contraria o simile a quegli angeli: infatti, quando è contraria, entrano con strepito e facendosi sentire; quando invece la disposizione è simile, l'angelo entra in silenzio, come in casa propria che gli è aperta.

Ottava regola.
Quando la consolazione è senza una causa, in essa non c'è inganno, perché, come si è detto [1 regola], proviene da Dio nostro Signore; tuttavia la persona spirituale, a cui Dio dà questa consolazione, deve considerare e distinguere con molta cura e attenzione il tempo proprio di questa consolazione da quello successivo, nel quale l'anima rimane fervorosa e favorita dal dono e dalle risonanze della consolazione passata. Spesso infatti, in questo secondo tempo, sia con un proprio ragionamento, cioè con associazioni e deduzioni di concetti e di giudizi, sia per l'azione dello spirito buono o di quello cattivo, la persona formula propositi o pensieri che non sono ispirati direttamente da Dio nostro Signore; perciò bisogna esaminarli molto accuratamente, prima di dar loro pieno credito e di metterli in atto.


Site Map