NON TI SPOSARE UNA FEMMINISTA CORSO PREMATRIMONIALE CAP. I CORSO PREMATRIMONIALE CAP.II CORSO PREMATRIMONIALE CAP. III
NON TI SPOSARE UNA FEMMINISTA
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. I
CORSO PREMATRIMONIALE CAP.II
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. III
CORSO PREMATRIMONIALE CAP.IV
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. V
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. VI
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. VII
CORSO PREMATRIMONIALE CAP.VIII
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. IX
CORSO PREMATRIMONIALE CAP. X
ILLUSIONE YOGA
Il buddha idolo
Chiesa e induismo
buddista assassino
Mantra e demoni
Gandhi e gli altri
astuzie yogi
magia yoga
inganno yoga
PERLE TANTRA
TANTRA MALEDETTO
TANTRA PERVERSIONI
Il terzo occhio
reincarnazione
yoga in pillole
spiriti demoni
negromanti e magia
meditazione t.
astrologia
IL MEDICO MAGO
energia vitale
agopuntura
iridoccultismo
omeopatia
cristalloterap.
Gli angeli e la carne
ERESIA VEGAN
culto vegano
vetero vegani
Vegetariano eretico
vegetariani
Green Hill
Sperimentazione animale e Bibbia
odio vegan
IL SODOMITA
LA FINE DI BABILONIA
BABYLON CITY
Lettera ai demoni
Attila torna a casa tua
Forestiero pericoloso per la Fede
LUCIFERO NELLE LOGGE
lucifero
massoneria
CASTIGHI
VACCINI E CERVELLO
Medicina a Babilonia
Lutero all'inferno
teosofia
antroposofia
bene senza dio
l'anticristo pacifista
Geppo
apocalisse
Mandela
Gandhi
FEMMINICIDI OGGI
FEMMINICIDIO
SEDUZIONE DONNA
femminismo
CLEOPATRA
8 marzo
la discoteca
AMMONIRE
divorziati
contraccezione
omofobia
sodomia, sabba e morte
omofobi pericolosi
POTERE MEDIA
CATTOFALSI
Zaffiro 2016
Valchirie femministe
la rivoluzione francese
lo psicologo
RICOSTRUTTORI NELLA PREGHIERA
COMANDAMENTI
suggestioni
VIZI CAPITALI
Santa Teresina
Maria Goretti
ABITI IMPUDICI
Donna santa
Ippolito e la lussuria
pudore
  
IppolitoLE FIGLIE DELLA LUSSURIA NELL'IPPOLITO
( l'odio verso la castità, la calunnia, la morte e la disperazione)

Senza entrare nel merito del profondo paganesimo della mitologia greca, è singolare vedere nelle intuizioni di Euripide, il nesso tra le pulsioni della lussuria e i suoi frutti.

Nella tragedia l ' "Ippolito", Afrodite in odio verso il figlio di Teseo, per la sua scelta della castità, fomenta in Fedra la matrigna la passione per il figliastro e spera, poi, che il padre uccida il figlio una volta scoperta l'unione tra i due.

Afrodite: "Né tale amore avrà sol questa fine:
a Tesèo svelerò questo mistero,
ché divenga palese; e con le sue
maledizioni, darà morte il padre
al giovinetto mio nemico"

Le cose, però, non vanno come la sciagurata dea della lussuria aveva previsto.
Ippolito non è intenzionato a perdersi per le donne e Fedra decide di suicidarsi non prima di aver rovinato il figliastro con una lettera in cui lo calunniava sostenendo che questi aveva cercato di violentarla.
Finita in mano a Teseo la lettera, questi maledice il figlio che, tuttavia innocente, muore puntualmente.

Euripide sia pur pagano in questa tragedia insegna a molti che la lussuria ha molte figlie perverse, e nell'opera ci sono giusto due morti, Fedra muore suicida per la sua passione maledetta e Ippolito perisce per l'odio di un padre che aveva creduto alla calunnia della sua seconda moglie.
E così alla fine sia pur di dolore muore anche il padre:

Tesèo:
"Son morto, o figlio, e omai la vita aborro."
Site Map