ILLUSIONE YOGA Il buddha idolo Chiesa e induismo buddista assassino
ILLUSIONE YOGA
Il buddha idolo
Chiesa e induismo
buddista assassino
Mantra e demoni
Gandhi e gli altri
astuzie yogi
magia yoga
inganno yoga
PERLE TANTRA
TANTRA MALEDETTO
TANTRA PERVERSIONI
Il terzo occhio
reincarnazione
yoga in pillole
spiriti demoni
negromanti e magia
meditazione t.
astrologia
IL MEDICO MAGO
energia vitale
agopuntura
iridoccultismo
omeopatia
cristalloterap.
Gli angeli e la carne
ERESIA VEGAN
culto vegano
vetero vegani
Vegetariano eretico
vegetariani
Green Hill
Sperimentazione animale e Bibbia
odio vegan
DON FANFULLA
IL SODOMITA
BABYLON CITY
Babilonia 2029
Babilonia 2030
UE
Attila l'immigrato
Lettera ai demoni
Attila torna a casa tua
LUCIFERO NELLE LOGGE
lucifero
massoneria
VACCINI E CERVELLO
WI38 MRC5 e magia nera
massogiornalis.
Lutero all'inferno
teosofia
antroposofia
IL FALSO PROFETA
bene senza dio
l'anticristo pacifista
Geppo
apocalisse
autismo
Ghandi
Mandela
FEMMINICIDIO
FEMMINICIDI RIMEDI
SEDUZIONE DONNA
femminismo
8 marzo
la discoteca
il maschicidio
satanapolitica
Lunacek
AMMONIRE
divorziati
contraccezione
omofobia
U 235
sodomia, sabba e morte
omofobi pericolosi
CATTOFALSI
POTERE MEDIA
politici e vip
Gli F35 d Mauro
Jovanotti e il condom
Benigni
NWO E CIRICINO
IL FEMMINISMO E IL DEMONE
Zaffiro 2016
Valchirie femministe
IL PERICOLO IMMIGRATI
BIFFI E IMMIGRATI
CASTIGHI E NATURA
Castigo terremoto
LA FAME E IL CASTIGO
Castighi nel Levitico
castigo malattia
Dueteronomio e Castighi
LA GUERRA E I CASTIGHI
la rivoluzione francese
Usa Isis
La Russia di Putin
lo psicologo
RICOSTRUTTORI NELLA PREGHIERA
satana nel quot
suggestioni
COMANDAMENTI
VIZI CAPITALI
Santa Teresina
Maria Goretti
Donna santa
ABITI IMPUDICI
Ippolito e la lussuria
pudore
 
 

“L’esposizione di Soloviev che si dimostra particolarmente originale e sorprendente e merita la più approfondita riflessione è nell’attribuzione all’Anticristo delle qualifiche di pacifista, di ecologista, di ecumenista” “L'Anticristo – proseguiva – sarà 'convinto spiritualista', un ammirevole filantropo, un pacifista impegnato e solerte, un vegetariano osservante, un animalista determinato e attivo”.  

 Queste, appena lette, sono le parole  del Cardinal Biffi che riprende Soloviev, parole che in questo sito sono più volte riportate perchè davvero centrano in maniera sorprendente i movimenti emozionali globali di questo tempo.

 Chi scrive condivide il concetto che finchè siamo in vita il male assoluto non esiste, satana potrà spingere l'uomo a commettere i peggiori mali, ma non può far sopravvivere mentalmente  le sue vittime  senza  un diversivo  di pseudo bene ( magari un'ideologia) nè tantomeno il demonio  può far resistere a lungo  le  anime dei suoi schiavi nel male assoluto  senza  provare a sfamarle   con dei  surrogati  di amore (ipersessualismo scambiato per amore o anche l'attuale animalismo).


Questo tempo d'altra parte è pieno di forme caricaturali di carità  in cui ci si preocupa della sorte dei cani in Cina e non degli aborti perpetrati in casa nostra o si consente   che tra gli adolescenti dominino l'impudicizia e il bullismo e nel frattempo si sono abbandonati, per non "traumatizzare" i figli, i ceffoni educativi.


Comunque per analizzare le parole di Soloviev dobbiamo ritornare alle parole di Cristo:

Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore;  amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza.
E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi».  Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui;  amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici».

Non è da poco notare che Cristo, nostro Signore, parla in maniera chiara del prossimo.
Effettivamente amare il prossimo costa. E costa molto!!
Spesso bisogna sacrificare l'orgoglio, il tempo e, non di rado, anche il denaro magari per un familiare  i cui difetti  ce lo rendono meno sopportabile di un "non prossimo" che sarebbe più facile amare.
Non  è poi così difficile  gridare : "salviamo l'Africa!" , e nessuno mette in discussione che non debba essere fatto, ma spesso i doveri relativi al nostro stato richiedono molta più fatica e su questi si gioca in gran parte la salvezza della nostra anima.

Madre Teresa, che di aiuto al prossimo se ne intendeva molto bene, ebbe a dire:


"E' facile amare le persone lontane, molto facile pensare alla gente che muore di fame in India.
Ma prima dovete vedere se regna l'amore in casa vostra e in quella......del vostro vicino e nella strada in cui abitate, nella città in cui vivete, e solo dopo guardate fuori..."



Un altro, oltre Solovev, che  aveva capito in maniera geniale come agisce il demonio era Lewis che nel suo romanzo  fa dire a Berlicche   che, per ingannare la sua vittima, Malacoda deve adottare questa strategemma:

"L'importante  è di dirigere la malevolenza verso i suoi vicini immediati, verso coloro che incontra ogni giorno, e di cacciare la benevolenza lontano, nella circonferenza remota, verso gente che egli non conosce.
La malevolenza diventerà così perfettamente reale, e la benevolenza in gran parte immaginaria."

                                                                                       Le lettere di Berlicche

La pace mondiale attiene a  quella "circonfenza"  più esterna a noi ed in fondo è facilissima da evocare, ma in realtà cristianamente è difficilissima da ottenere perchè è il frutto dell'amore  nelle nostre famiglie, con il nostro prossimo, dell' apertura alla vita e, quindi, alla fine del primo  delitto contro la pace che è  l'aborto.
Il resto sono chiacchiere, e come tali sono facile da propagandare, da cantare  e  da svendere  a tutti quelli che desiderano  acquietare la propria coscienza e che per questo vogliono continare ad "amare" gli africani della periferia di Timbuctù, gestire le energie occulte dello yoga e idolatrare il proprio cane, chissà, dopo aver pestato a sangue il proprio fratello che magari nell'indifferenza per la morte delle papere e dei conigli non è voluto divenire vegetariano.




 L'ANTICRISTO :IL MESSIA CHE TOGLIE L' AMORE DEL CROCIFISSO

Fare a meno del Crocifisso è nella mentalità anticristica di questi tempi.
Dove abito il sindaco appena eletto ha pensato bene di togliere la Croce all'ingresso del paese e metterci un albero. E' una delle prime cose che ha fatto, evidentemente la riteneva una priorità.



Fulton Sheen, arcivescovo nato a El Paso, servo di Dio e dichiarato Venerabile da Benedetto XVI così scriveva:


"L'Anticristo non si chiamerà così; altrimenti avrebbe seguaci. Egli non indossarà calze rosse, nè vomitarà zolfo, né portarà un tridente né una coda come Mefistofele nel Faust. Questo per aiutare il Diavolo a convincere gli uomini che egli non esiste. Quando l'uomo lo nega, più diventa potente. Dio ha definito Sé stesso come "Io sono colui che sono", e il Diavolo come "Io sono colui che non sono."
Da nessuna parte nella Sacra Scrittura troviamo descritto il Diavolo come un buffone.. Piuttosto è descritto come un angelo caduto dal cielo, come "il principe di questo mondo", il cui scopo è convincerci che non c'è la vita eterna . La sua logica è semplice: se non c'è il paradiso non c'è inferno; se non c'è l'inferno, allora non c'è peccato; se non c'è peccato, allora non c'è nessun giudice, e se non c'è giudizio, allora il male è bene e il bene è il male. . Ma come farà a convincerci alla sua religione?
La convinzione russa pre-comunista, è che egli verrà travestito come il Grande umanitario; parlerà di pace, prosperità e abbondanza non come mezzo per condurci a Dio, ma come fini in sé.

La terza tentazione in cui Satana chiese a Cristo di adorarlo e tutti i regni del mondo sarebbero stati suoi, diventerà la tentazione di avere una nuova religione, senza una croce, una liturgia, senza un mondo a venire, una religione per distruggere una religione, o una politica che è una religione - quella che rende a Cesare anche le cose che è di Dio.
In mezzo a tutto il suo amore per l'umanità e all'apparente suo discorso di libertà e di uguaglianza, si avrà un grande segreto che egli non dirà a nessuno: egli non crede in Dio. Perché la sua religione sarà la fratellanza senza la paternità di Dio, egli vuole ingannare anche gli eletti. Egli ha istituito un controchiesa che sarà la scimmia della Chiesa, perché lui, il Diavolo, è la scimmia di Dio. Avrà tutte le note e le caratteristiche della Chiesa, ma in senso inverso e svuotata del suo contenuto divino. Sarà un corpo mistico dell'Anticristo che in tutte esteriori somigliare il corpo mistico di Cristo.


(Arcivescovo Fulton J. Sheen, Communism and the Conscience of the West [Bobbs-Merril Company, Indianapolis, 1948], pp. 24-25)


E ancora sull'anticristo:

Accade, che satana, appaia variamente cammaffuto,simile a Cristo;e alla fine del mondo, apparirà come benefattore, un filantropo:ma con le stimmate non è mai apparso, e non apparirà mai.Perchè solamente l'Amore Celeste puo' mostrare le cicatrici del supremo dono d'amore ..........”


Ovviamente la questione non sono le stimmate in loro stesse , ma l'amore che è dietro i segni visibili dell'amore infinito di Cristo Crocifisso che nessuna creatura potrà mai avere nemmeno per un fratello o un amico.
Lui Cristo questo amore ce l'aveva per i suoi nemici e non in parole vuote ma nella sofferenza della passione e della sua morte offerta al Padre per loro.

Questo, secondo Fulton Sheen, i servi di satana non potranno mai averlo per l'umanità.

Nessun testo umano potrà ben descrivere tutto l'amore di Cristo Crocifisso per noi ( ottime sono a mio parere le meditazioni di Luisa Piccaretta nell'orologio della Passione), però per rimanere in tema e per mostrare la reale natura dell'amore di Dio rispetto a messianesimi parolai ripropongo ancora le riflessioni  sempre del Card. Fulton Sheen su Gesù Cristo:

da :LE ULTIME SETTE PAROLE DI GESU' IN CROCE
                                                            "PADRE PERDONA LORO .."

                                       
"Sembra essere una realtà della psicologia umana che, quando si avvicina Fulton_J._Sheenla morte , il cuore dell'uomo a coloro che gli sono più vicini e più vari: non ci è ragione di pensare che fosse stato diverso per il Cuore dei cuori.
Se egli parlò secondo una sequenza graduale a coloro che amò maggiormente , allora possiamo aspettarci di trovare le sue prime tre parole secondo l'ordine del suo amore e affetto.
Le sue prime parole erano rivolte ai suoi nemici: "Padre , perdonali ...";le seconde, ai peccatori: "...oggi sarai con me nel Paradiso" ; le terze ,ai santi : "Donna ecco tuo figlio...".

Nemici, peccatori e santi ; questo è l'ordine dell'Amore divino e della sua sollecitudine.
Gli spettatori aspettavano ansiosi la sua prima parola. I suoi carnefici aspettavano le sue grida, come avevano fatto tutti coloro che erano stati appesi prima di lui.
Seneca racconta che coloro che venivano crocifissi maledivano il giorno della loro nascita, i loro carnefici, le loro madri ; sputavano persino su chi li guardava.
Cicerone ci dice che a volte era necessario tagliare loro la lingua, per frenare le loro terribili bestemmie. Quindi i carnefici di Gesù si aspettavano di udire un grido, ma non certo quel tipo di grido che di fatto udirono. Anche gli scribi e i farisei si aspettavano delle grida ed erano sicuri che Gesù ,che aveva predicato l'amore verso i propri nemici e di fare del bene a chi ci odia , avrebbe dimenticato questo suo Vangelo quando gli sarebbero stati forati mani e piedi. Essi pensavano che la terribile e straziante sofferenza avrebbe disperso al vento la forza d' animo che Gesù avrebbe potuto darsi per salvare le apparenze.
Tutti, insomma , si aspettavano di sentirlo gridare ma nessuno, ad eccezione dei tre ai piedi della croce, pensava di ascoltare quel grido.
Come gli alberi profumati che lasciano il loro profumo sulla scure che li abbatte , così il grande Cuore appeso all'albero esalò dal più profondo di stesso non un grido ,ma una preghiera. La soave , dolce,umile preghiera del perdono: " Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno".





            CATECHISMO SULL' IMPOSTURA ANTICRISTICA

675 Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il "mistero di iniquità" sotto la forma  di un impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell'apostasia della Verità. La massima impostura religiosa è quella dell'Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianesimo in cui l'uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne



675 Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il "mistero di iniquità" sotto la forma  di un impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell'apostasia della Verità. La massima impostura religiosa è quella dell'Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianesimo in cui l'uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne
.
676 Questa impostura anti-cristica si delinea già nel mondo ogniqualvolta si pretende di realizzare nella storia la speranza messianica che non può essere portata a compimento se non al di là di essa, attraverso il giudizio escatologico:anche sotto la forma mitigata, la Chiesa ha rigettato questa falsificazione del regno futuro sotto il nome di millenarismo, soprattutto sotto la forma di un messianesimo secolarizzato "intrinsecamente perverso".

677 La Chiesa non entrerà nella gloria del Regno che attraverso quest'ultima pasqua, nella quale seguirà il suo Signore nella sua morte e risurrezione.
Il Regno non si compirà dunque attraverso un trionfo storico della Chiesa secondo un progresso ascendente, ma attraverso una vittoria di Dio sullo scatenarsi ultimo del male che farà discendere dal cielo la sua Sposa. Il trionfo di Dio sulla rivolta del male prenderà la forma dell'ultimo giudizio dopo l'ultimo sommovimento cosmico di questo mondo che passa.









Site Map