ILLUSIONE YOGA Il buddha idolo Chiesa e induismo buddista assassino
ILLUSIONE YOGA
Il buddha idolo
Chiesa e induismo
buddista assassino
Mantra e demoni
Gandhi e gli altri
astuzie yogi
magia yoga
inganno yoga
PERLE TANTRA
TANTRA MALEDETTO
TANTRA PERVERSIONI
Il terzo occhio
reincarnazione
yoga in pillole
spiriti demoni
negromanti e magia
meditazione t.
astrologia
IL MEDICO MAGO
energia vitale
agopuntura
iridoccultismo
omeopatia
cristalloterap.
Gli angeli e la carne
ERESIA VEGAN
culto vegano
vetero vegani
Vegetariano eretico
vegetariani
Green Hill
Sperimentazione animale e Bibbia
odio vegan
DON FANFULLA
IL SODOMITA
BABYLON CITY
Babilonia 2029
Babilonia 2030
UE
Attila l'immigrato
Lettera ai demoni
Attila torna a casa tua
LUCIFERO NELLE LOGGE
lucifero
massoneria
VACCINI E CERVELLO
WI38 MRC5 e magia nera
massogiornalis.
Lutero all'inferno
teosofia
antroposofia
IL FALSO PROFETA
bene senza dio
l'anticristo pacifista
Geppo
apocalisse
autismo
Ghandi
Mandela
FEMMINICIDIO
FEMMINICIDI RIMEDI
SEDUZIONE DONNA
femminismo
8 marzo
la discoteca
il maschicidio
satanapolitica
Lunacek
AMMONIRE
divorziati
contraccezione
omofobia
U 235
sodomia, sabba e morte
omofobi pericolosi
CATTOFALSI
POTERE MEDIA
politici e vip
Gli F35 d Mauro
Jovanotti e il condom
Benigni
NWO E CIRICINO
IL FEMMINISMO E IL DEMONE
Zaffiro 2016
Valchirie femministe
IL PERICOLO IMMIGRATI
BIFFI E IMMIGRATI
CASTIGHI E NATURA
Castigo terremoto
LA FAME E IL CASTIGO
Castighi nel Levitico
castigo malattia
Dueteronomio e Castighi
LA GUERRA E I CASTIGHI
la rivoluzione francese
Usa Isis
La Russia di Putin
lo psicologo
RICOSTRUTTORI NELLA PREGHIERA
satana nel quot
suggestioni
COMANDAMENTI
VIZI CAPITALI
Santa Teresina
Maria Goretti
Donna santa
ABITI IMPUDICI
Ippolito e la lussuria
pudore
 
 
TeresinaTeresa Martin, ultima di nove figli, nasce il 2 gennaio del 1873 ad Alençon da una famiglia di artigiani profondamente credente.
Teresina, da piccolissima, perde la mamma  e  così il padre dopo la morte della moglie e di altri quattro figli piccoli rimane la grande guida religiosa per le  cinque figlie.


Rispettosa nell'amore per il papa' e affezionataLuigi in maniera particolare alle sorelle,Teresina stupisce sin da piccola per la sua propensione al sacro.
Come attratta in maniera naturale a Dio, muove tutti i suoi passi sin dall'infanzia in funzione della sua futura vita religiosa.
Lo zelo per Cristo la porta a sorpassare tutti gli ostacoli che le si interpongono tra lei e la  sua vocazione di Carmelitana.
Così a soli 14 anni convince il padre a portarla a Roma per parlare con il Santo Padre per avere l'autorizzazione di entrare nel Carmelo.
(Luigi Martin)



Leone XIII le dirà così:
" Va bene,voi entrerete se il buon Dio lo vuole."

E Dio lo volle, perchè entrò nel Carmelo grazie a Monsignor Reverony, all'età di quindici anni.


Nonostante nel convento ci fossero le due sorelle Paolina e Maria, Teresina cercò solo Gesù e  ogni suo gesto a questo fine si conformò.
In quella piccola comunità di sole 26 religiose, così, troverà la santità  che si conquistò con la semplicità, con l'affetto incondizionato  per le consorelle, per l'amore per la sua croce nella malattia e vivendo soprattutto l'aridità spirituale al pari del grande San Giovanni dell Croce.


Teresina muore giovanissima alla sola età di 24 anni, e nei tempi attuali in cui i ragazzi stentano a decidersi per Dio e seguire la vocazione a cui sono stati chiamati, la santa di 
Alençon risplende più che mai come una stella polare per tutta una generazione che vuole ritrovare alla luce della Fede il grande senso della vita in Cristo.



Un  santo come San Pio X la definirà come:


«La più grande santa dei tempi moderni»

Benedetto XV velocizzerà il suo processo di beatificazione, Pio XI la riterrà la "Stella del suo pontificato" e la proclamerà  santa il 17 maggio del 1925.


Ma il percorso di riconoscimento della grandezza di Teresina non finisce ancora:

Pio XI la fa divenire Patrona delle Missioni , unitamente a san Francesco Saverio, e ancora insieme ad un'altra grande santa, Giovanna d'Arco, Pio XII la fa patrona della Francia il 3 maggio 1944.
Il 19 ottobre 1927 il Beato Giovanni Paolo II la proclama Dottore della Chiesa pronunciando, davanti a più di 80000 persone venute da tutto il mondo e riunite in San Pietro, queste parole:

"A nessuno sfugge che oggi si sta realizzando qualcosa di sorprendente. S.Teresa dì Lisieux non ha potuto frequentare una università e neppure studi sistematici. Morì in giovane età, e tuttavia da oggi in poi sarà onorata come Dottore della Chiesa, alto riconoscimento che la innalza nella considerazione dell'intera comunità cristiana, ben al di là di quanto possa farlo un titolo accademico".


I tratti di un umile suora per un grande ruolo, dovevano essere riconosciuti in un mondo sempre assillato  dalla presenza di  segni straordinari per riconoscere negli uomini la presenza di Dio, e così San PIO X ripeteva a chi gli diceva che non aveva fatto nulla di particolare  per essere considerata una grande santa:

 "La sua estrema semplicità è la cosa più straor­dinaria e degna di attenzione in quest'anima. Ristudiate la vostra teologia".


Così anche per  Benedetto XV tutto il mondo doveva conoscere la santità nell'ordinario di Santa Teresina:



Tersina"L'in­fan­zia spirituale è formata da confidenza in Dio e da cieco abbandono nelle mani di Lui [...]. Non è malagevole rilevare i pregi di questa infanzia spirituale sia per ciò che esclude sia per ciò che suppone. Esclude infatti il superbo sentire di sé; esclude la presunzione di raggiungere con mezzi umani un fine sopran­naturale; esclude la fallacia di bastare a sé nell'ora del pericolo e della tentazione. E, d'altra parte, suppone fede viva nella esistenza di Dio; suppone pratico omaggio alla Potenza e Misericordia di Lui; suppone fiducioso ricorso alla Provvidenza di Colui, dal quale possiamo ottenere la grazia e di evitare ogni male e di conseguire ogni bene. Sono così mirabili i pregi di questa infanzia spirituale, tanto se si considera nel lato negativo, quanto se si mira nel positivo, che non reca meraviglia averla il Divino Maestro additata come condizione necessaria per conseguire la vita eterna [...]. Ma donde quella copiosa messe di meriti? Dai frutti meravigliosi maturati nel giardino dell'infanzia spirituale. Donde questo ampio corredo di dottrina? Dai segreti che Dio rivela ai pargoli [....]. In meno di cinque anni apparve piena di meriti; e sebbene alunna di un ordine religioso in cui il serto dei dottori è vanto anche del sesso debole, non fu nutrita di forti studi, eppure ebbe tanta scienza che conobbe per sé e seppe additare anche ad altri la vera via della salute [...]. Auguriamo che il segreto della santità di Suor Teresa di Gesù Bambino non resti occulto a nessuno".


Eppure santa Teresina diceva di sè


"Io mi considero come un uccellino debole, coperto di un po' di piu ma lieve; Teresanon sono un'aquila, ho dell'aquila soltanto gli occhi e il cuore perché, nonostante la mia piccolezza estrema, oso fis sare il Sole divino, il Sole dell'Amore, e il mio cuore prova tut te le aspirazioni dell'aquila... L’uccellino vorrebbe volare verso quel Sole che affascina gli occhi, vorrebbe imitare le aquile, sue sorelle che vede elevarsi fino alla divina dimora della san tissima Trinità... Ahimè! Tutto quello che può fare, è sollevare le sue alucce, ma volar via, questo non è nelle sue piccole pos sibilità. Che ne sarà di lui? Morirà di dolore vedendosi così impotente? No! L’uccellino non se ne affliggerà nemmeno. Con un abbandono audace vuol fissare ancora il suo Sole divi no: niente gli fa paura, né vento, né pioggia, e se le nuvole pesanti nascondono l'Astro d'amore, l'uccellino non cambia posto, sa che di là dalle nubi il Sole splende sempre, che la sua luce non si offuscherà nemmeno per un attimo. "


O ancora....

Il pennellino di Dio

"Se la tela dipinta da un artista potesse pensare e parlare, certamente non si lamenterebbe di essere toccata e ritoccata senza posa da un pennello, e non invidierebbe nem­meno la sorte di questo strumento, perché saprebbe che non al pennello ma all'artista che lo maneggia ella è debitrice della sua bellezza. Il pennello da parte sua non potrebbe gloriarsi del capolavoro che ha fatto, sa bene che gli artisti non sono impacciati, che ridono delle difficoltà e si compiacciono di sce gliere talvolta strumenti deboli e difettosi. Madre amata, sono un pennellino scelto da Gesù per dipingere l'immagine sua nelle anime che lei mi ha affidate. Un artista non si serve di un pennello solo, gliene occorrono alme no due: il primo è il più utile, con esso dà le tinte generali, copre completamente la tela in poco tempo; l'altro, piccino, gli serve per i particolari. Madre mia, ella mi raffigura il pennello prezioso di cui Gesù si serve con amore quando vuol fare un grande lavoro nell'anima delle figlie, e io sono quello piccolissimo che egli si degna usare dopo, per le minime rifiniture.
"




Site Map