ILLUSIONE YOGA Il buddha idolo Chiesa e induismo buddista assassino
ILLUSIONE YOGA
Il buddha idolo
Chiesa e induismo
buddista assassino
Mantra e demoni
Gandhi e gli altri
astuzie yogi
magia yoga
inganno yoga
PERLE TANTRA
TANTRA MALEDETTO
TANTRA PERVERSIONI
Il terzo occhio
reincarnazione
yoga in pillole
spiriti demoni
negromanti e magia
meditazione t.
astrologia
IL MEDICO MAGO
energia vitale
agopuntura
iridoccultismo
omeopatia
cristalloterap.
Gli angeli e la carne
ERESIA VEGAN
culto vegano
vetero vegani
Vegetariano eretico
vegetariani
Green Hill
Sperimentazione animale e Bibbia
odio vegan
DON FANFULLA
IL SODOMITA
BABYLON CITY
Babilonia 2029
Babilonia 2030
UE
Attila l'immigrato
Lettera ai demoni
Attila torna a casa tua
LUCIFERO NELLE LOGGE
lucifero
massoneria
VACCINI E CERVELLO
WI38 MRC5 e magia nera
massogiornalis.
Lutero all'inferno
teosofia
antroposofia
IL FALSO PROFETA
bene senza dio
l'anticristo pacifista
Geppo
apocalisse
autismo
Ghandi
Mandela
FEMMINICIDIO
FEMMINICIDI RIMEDI
SEDUZIONE DONNA
femminismo
8 marzo
la discoteca
il maschicidio
satanapolitica
Lunacek
AMMONIRE
divorziati
contraccezione
omofobia
U 235
sodomia, sabba e morte
omofobi pericolosi
CATTOFALSI
POTERE MEDIA
politici e vip
Gli F35 d Mauro
Jovanotti e il condom
Benigni
NWO E CIRICINO
IL FEMMINISMO E IL DEMONE
Zaffiro 2016
Valchirie femministe
IL PERICOLO IMMIGRATI
BIFFI E IMMIGRATI
CASTIGHI E NATURA
Castigo terremoto
LA FAME E IL CASTIGO
Castighi nel Levitico
castigo malattia
Dueteronomio e Castighi
LA GUERRA E I CASTIGHI
la rivoluzione francese
Usa Isis
La Russia di Putin
lo psicologo
RICOSTRUTTORI NELLA PREGHIERA
satana nel quot
suggestioni
COMANDAMENTI
VIZI CAPITALI
Santa Teresina
Maria Goretti
Donna santa
ABITI IMPUDICI
Ippolito e la lussuria
pudore
 
 

Morire d'animalismo per difendere un circo
di Rino Cammilleri



Il fatto: domenica 16 marzo un circense è morto d’infarto dopo una rissa con un nutrito gruppo di animalisti
. è avvenuto a Rovato, in provincia di Brescia, dove il Circo di Praga era assediato da ben tre giorni di fila dai contestatori. Questi, con la solita coreografia di cartelli, striscioni, schiamazzi e insulti, protestavano, tanto per cambiare, non tanto contro il maltrattamento, a sentir loro, di bestiole, quanto contro l’essenza stessa dell’arte circense, accusata di «sfruttamento» per il solo fatto di fare uso di animali esotici nei suoi spettacoli. Com’è noto, indurre una foca a battere le pinne per avere in cambio un’acciuga è «inumano» e un orso deve essere lasciato, nel Parco degli Abruzzi, libero di far strage di pecore. Così come una giraffa deve tornare nella savana a far da preda ai leoni e questi ultimi devono poter sbranare cuccioli in santa pace per indurre le femmine ad accoppiarsi con loro nell’«ecosistema», per la gioia dei turisti armati di fotocamera.

La nuova sensibilità (di alcuni) vuole imporre, con le buone o con le cattive, «bioparchi» al posto degli «zoo» (e qual sia la differenza, francamente sfugge), distruggere tradizioni millenarie come i circhi equestri e le fiere di San Firmino perché i poveri tori escono frastornati dall’incornare la gente. Ma tant’è: il giacobinismo non muore mai; quando resta orfano di un’ideologia, ne inventa un’altra, così che i lottacontinuisti possano dare un senso alla propria, altrimenti inutile, vita. Poiché la legge dà loro il diritto di «manifestare», se il bersaglio delle loro manifestazioni si scoccia e cerca di reagire, ecco che la parola passa agli avvocati, ai politici, ai testimonial che si fanno sempre fotografare sommersi di cani e gatti, incuranti di zecche, cimici e leptospirosi.

Il futuro è in questa fotografia: una donna incinta in piedi in metropolitana, e un cane accovacciato sul sedile. Il secondo ha pagato il biglietto (sui treni è già così), la prima è una malfattrice e ben le sta, perché sulla terra siamo in troppi. A Rovato, il cinquantacinquenne Roberto Gerardi, stufo di perdere soldi perché gli spettatori, visto l’assedio, stavano alla larga dal suo circo, ha preso un megafono e ha cercato di protestare contro gli assedianti. Ma, più quello spiegava le sue ragioni, più quelli alzavano i toni e le urla. L’uomo a un certo punto non ci ha visto più ed è andato ad affrontare i Paladini della Bestiola di persona. Ne è nata una rissa e un animalista si è preso una manata in faccia. Naturalmente, gli assedianti avevano cineprese al seguito e hanno filmato il tutto, così annunciando: «I filmati dell’aggressione saranno ora consegnati al nostro ufficio legale per le opportune valutazioni».

Peccato che il Gerardi, dopo tre giorni di fegato così, subito dopo la colluttazione si sia sentito male. Infarto. Immediatamente portato in ospedale, ci ha messo due giorni a morire. La cosa, come annunciato dagli Amici degli Animali, finirà in tribunale, pur se il povero disgraziato circense sarà contumace non per sua colpa. Il giudice terrà conto della provocazione continuata e, ma sì, aggravata? Eh, di questi tempi non è detto. Bisognerà vedere per quale corrente di pensiero simpatizza il giudice. Povero Gerardi: se avesse chiuso il suo circo, se avesse riportato a spese sue gli animali nella jungla, se avesse licenziato in tronco tutti i suoi lavoratori, se avesse rimborsato il prezzo dei biglietti, se insomma avesse accettato di finire sul lastrico lui e le decine di dipendenti, e terminato per sempre con una tradizione familiare vecchia di generazioni, sarebbe ancora vivo.

Per Antonio Buccioni, presidente dell’Ente nazionale circhi, è il «primo martire dell’odio animalista contro i circhi». Fabrizio Catelli, presidente del Partito animalista, invita a evitare «strumentalizzazioni». Sta di fatto che quello è morto, e che ben altri lai si sarebbero levati se a schiattare fosse stato uno della controparte. Infatti, a parte «Il Foglio» e l’edizione locale del Corsera, nessuno ha parlato del tragico evento. Chi qui scrive ha dovuto cercare la notizia online (giornalettismo.com) su segnalazione, privata, di un conoscente. Comunque, il politicamente corretto è tutto grasso che cola a favore del famoso Cirque du Soleil, dove si esibiscono solo umani, truccati, piumati, variopinti e volteggianti. Sì, ma perché chiamarlo Cirque e non Gran Ballo Excelsior?


Site Map